Rosenbäumchen Piszinum Klostergarten Türkenturm

Giardini

Nel Medioevo si coltivavano verdure ed erbe, e ci sono anche prove di giardini di alberi. Nell'Alto Medioevo, Hildegard von Bingen lasciò testimonianze scritte sulle proprietà curative delle piante, mentre Albertus Magnus sviluppò proposte per un giardino di piacere; anche allora, secondo la sua concezione, il giardino doveva essere disposto come un prato con panchine e piante ornamentali come rose o iris. Nell'ambito monastico, invece, i giardini non servivano solo per provvedere ai monaci, ma erano anche luoghi di meditazione e di preghiera.

Il giardino è l'ultimo lusso dei nostri giorni, perché richiede ciò che è diventato più prezioso nella nostra società: tempo, attenzione e spazio.

Dieter Kienast
Paesaggista svizzero

Rosen Schloss Garten

Giardini di Castel Trauttmansdorff

Via San Valentino 51a
39035 Merano
Südtirol

I giardini botanici di Merano

Gli inizi del giardino del castello

Created with Sketch.
Joseph von Trauttmansdorff

Gli inizi della tenuta di 12 ettari di oggi risalgono a Joseph von Trauttmansdorff, che acquistò il castello nel 1846 e vi aggiunse elementi neogotici. Allo stesso tempo, voleva creare una fattoria modello e prese come modello l'arciduca Johann d'Austria, che, come "ribelle verde" degli Asburgo, fece lo stesso in Stiria. Per raggiungere il suo obiettivo, comprò anche le tenute di Pienzenau e Fragsburg con le relative fattorie e frutteti. Dopo la sua morte, Friedrich von Deuster portò avanti la sua idea e creò nuovi giardini e frutteti. La prima guerra mondiale e la presa del potere da parte dei fascisti misero fine al progetto: Il castello fu nazionalizzato e sempre più lasciato in decadenza fino a che non divenne finalmente proprietà della Provincia dell'Alto Adige nel 1977. Nel 1990 si decise di dare al Museo della Storia del Turismo di Castel Trauttmansdorff una sede dignitosa e di creare dei giardini botanici negli spazi aperti. Dal 2001 i Giardini di Trauttmansdorff sono una destinazione popolare per gli amanti del giardino: 80 paesaggi di giardino sono stati disposti su una superficie di 12 ettari. Il dislivello è fino a 100 metri e alcuni di essi sono anche accessibili con passeggini. Con piante, arbusti e alberi provenienti da tutto il mondo, il giardino del castello è diviso in quattro aree tematiche:   

  • Giardini forestali - foreste in miniatura dall'America e dall'Asia 


  • Giardini del sole - paesaggi della regione mediterranea


  • Giardini acquatici e a terrazza - Spazi giardino con scale e corsi d'acqua 


  • Paesaggi dell'Alto Adige - flora autoctona originale.

I quattro mondi dei giardini

Created with Sketch.

I giardini di Castel Trauttmansdorff pretendono di portare il visitatore nel mondo vario della botanica. A causa delle vaste aree di giardini e boschi (12 ettari), i visitatori dovrebbero concedere almeno tre ore per godere e immergersi negli 80 paesaggi del giardino (naturali e culturali). La rete di sentieri è in parte accessibile in passeggino e presenta un dislivello fino a 100 metri. I giardini sono divisi in quattro aree:

  • Giardini di foresta - foreste in miniatura dall'America e dall'Asia

    Giardini del sole - paesaggi della regione mediterranea

    Giardini acquatici e a terrazza - spazi di giardino con gradini e corsi d'acqua

    Paesaggi dell'Alto Adige - flora autoctona originale.


Un approccio non convenzionale alla natura è creato dagli undici padiglioni degli artisti, che rappresentano una combinazione di successo di eye-catcher estetico ed esperienza multisensoriale. 

Una vista mozzafiato sulla Valle dell'Adige, la conca di Merano e le montagne circostanti attende il visitatore che sale le scale "galleggianti" fino alla piattaforma permeabile al 95%. 

Nel punto più alto dei giardini si trova una grande voliera abitata da pappagalli. Il visitatore lo attraversa per godersi la vista sui giardini circostanti e sul fondovalle di Merano da una costruzione in acciaio inossidabile lunga 15 metri. 

Touriseum - Museo della storia del turismo

Created with Sketch.

Castel Trauttmansdorff mostra tra le sue mura 200 anni di storia del turismo della provincia dell'Alto Adige. Il visitatore è guidato attraverso 20 stanze, dove l'industria del "turismo" è spiegata con l'aiuto di modelli dettagliati e filmati, allestimenti e collezioni. Il museo racconta la storia dalla prospettiva del viaggiatore e del "viaggiato".

Nota: la visita a Castel Trauttmansdorff con il Touriseum è inclusa nel biglietto d'ingresso ai Giardini di Castel Trauttmansdorff.

Trauttmansdorff von oben

Inhalte von Youtube werden aufgrund deiner aktuellen Cookie-Einstellungen nicht angezeigt. Klicke auf “Anzeigen”, um den Cookie-Richtlinien von Youtube zuzustimmen und den Inhalt anzusehen. Mehr dazu erfährst du in der Youtube Datenschutzerklärung. Du kannst der Nutzung dieser Cookies jederzeit über deine eigenen Cookie-Einstellungen widersprechen.

Anzeigen

Picknick am Seerosenteich

Inhalte von Youtube werden aufgrund deiner aktuellen Cookie-Einstellungen nicht angezeigt. Klicke auf “Anzeigen”, um den Cookie-Richtlinien von Youtube zuzustimmen und den Inhalt anzusehen. Mehr dazu erfährst du in der Youtube Datenschutzerklärung. Du kannst der Nutzung dieser Cookies jederzeit über deine eigenen Cookie-Einstellungen widersprechen.

Anzeigen

Trauttmansdorff nach Feierabend

Inhalte von Youtube werden aufgrund deiner aktuellen Cookie-Einstellungen nicht angezeigt. Klicke auf “Anzeigen”, um den Cookie-Richtlinien von Youtube zuzustimmen und den Inhalt anzusehen. Mehr dazu erfährst du in der Youtube Datenschutzerklärung. Du kannst der Nutzung dieser Cookies jederzeit über deine eigenen Cookie-Einstellungen widersprechen.

Anzeigen

World Music Festival

Inhalte von Youtube werden aufgrund deiner aktuellen Cookie-Einstellungen nicht angezeigt. Klicke auf “Anzeigen”, um den Cookie-Richtlinien von Youtube zuzustimmen und den Inhalt anzusehen. Mehr dazu erfährst du in der Youtube Datenschutzerklärung. Du kannst der Nutzung dieser Cookies jederzeit über deine eigenen Cookie-Einstellungen widersprechen.

Anzeigen
Weingut Kränzelhof Ansitz

Ansitz Kränzelhof

Via Palade 1 
39010 Cermes
Südtirol 

Opera d`arte della natura

I 7 giardini

Created with Sketch.

I 7 giardini sono stati aperti il 1° agosto 2006. Il concetto era quello di creare diversi spazi di giardino formati da alberi e arbusti della stessa famiglia. I giardini sono intesi come spazi che portano il loro profumo, trasmettono la loro atmosfera e il loro umore.

La preoccupazione dei proprietari di accompagnare i 7 giardini nel loro sviluppo e nella loro crescita è in primo piano. Accompagnata da mostre di artisti permanenti e mutevoli durante i caldi mesi estivi, la natura è sostenuta in ciò che dovrebbe essere per il visitatore: un luogo di riposo, rilassamento e ricarica delle forze, uno spazio di apprendimento di scoperta e meraviglia.

I 7 giardini: tour dei giardini filosofici
I giardini sono sculture viventi: nella visita guidata di due ore attraverso i vasti giardini riceverete spiegazioni sulle piante e sugli oggetti d'arte. 
 
Martedì 9.30 a.m.
Durata circa 2 ore
Prezzo 23€

Il Kränzelhof come studio vinicolo